Catégories
Informazioni

Addetti alle pulizie Rimuovi inconsapevolmente l'ultima opera d'arte di Banksy dalla metropolitana di Londra

Martedì, l'enigmatico artista di strada britannico Banksy ha svelato il suo ultimo lavoro pubblico. Intitolato "se non ti maschera – non ottieni" e distribuito all'interno di un vagone di Londra, il pezzo ha riunito il suo classico motivo di topo e il testo di Chumbawamba per rilasciare una dichiarazione sul fatto di essere protetto nell'era di COVID- 19. I fan dell'arte che sperano di vedere da soli i graffiti di Underground sono sfortunati, poiché i detergenti di Transport for London hanno rimosso la vernice spray prima ancora che Banksy lo annunciasse.

Una dichiarazione ufficiale della TFL afferma che il lavoro è stato ripulito "alcuni giorni fa" nel seguire la "severa politica anti-graffiti" della Underground. Apparentemente, gli operai erano "inconsapevoli" della vernice nera e verde acqua sulla carrozza della Circle Line lasciata dall'artista, e quindi "è stata trattata come qualsiasi altro graffito sulla rete".

"Il compito degli addetti alle pulizie è assicurarsi che la rete sia pulita, soprattutto in considerazione dell'attuale clima", ha dichiarato un rappresentante della TFL alla BBC.

In realtà è probabilmente una buona cosa che i lavoratori sotterranei stiano facendo il loro lavoro con cautela mantenendo pulito il tubo, soprattutto vista l'attuale crisi sanitaria. Sembra anche probabile che Banksy, che non è uno che si rifugge dalla creazione di arte temporanea, sapesse che il lavoro non sarebbe durato a lungo.

Detto questo, il TFL sostiene "il sentimento di incoraggiare le persone" a indossare maschere e ha offerto a Banksy "la possibilità di fare una nuova versione del suo messaggio per i nostri clienti in un luogo adatto".

Per quello che è probabilmente l'unico aspetto rimasto "se non ti maschera – non capisci" sulla metropolitana di Londra, guarda il video rivelatore originale di Banksy qui sotto.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *