Catégories
Informazioni

Rudy Giuliani chiama poliziotti su Sacha Baron Cohen dopo essere stato burlato

Poche settimane dopo aver organizzato una manifestazione di estrema destra a Olympia, Washington, Sacha Baron Cohen ha fatto un altro scherzo elaborato a spese dell'ex sindaco di New York Rudy Giuliani.

Disse Giuliani Pagina sei che è andato al Mark Hotel di Manhattan martedì per quella che credeva fosse un'intervista “seria”. Inizialmente una donna si è seduta con l'ex sindaco e gli ha posto alcune domande sul "softball", prima che Cohen "corresse, indossando un pazzo, quello che direi fosse un abito da transgender rosa", secondo Giuliani.

“Era un bikini rosa, con pizzo, sotto un top in rete traslucida, sembrava assurdo. Aveva la barba, le gambe nude e non era quello che definirei distrattamente attraente ", racconta Giuliani.

Credendo che si trattasse di "una truffa o di una caduta", Giuliani ha detto di aver chiamato la polizia. Quando arrivarono gli ufficiali del NYPD, Cohen era "fuggito", sebbene fosse visto correre fuori dall'hotel e giù per una strada della città indossando solo un accappatoio ", secondo il New York Post.

Giulani ha detto che in seguito si è reso conto che l'uomo che ha interrotto l'intervista non era altro che Cohen. "Ho pensato a tutte le persone che aveva ingannato in precedenza e mi sono sentito bene con me stesso perché non mi ha preso", ha dichiarato Giulani. Resta da vedere se la rappresentazione degli eventi di Giulani si verifichi in quel modo sulla macchina fotografica.

Mentre Showtime deve ancora fare un annuncio formale, sembra certamente che Cohen stia lavorando attivamente a una seconda stagione di Chi è l'America?. La prima stagione di sette episodi ha visto Cohen scherzare un certo numero di personalità conservatrici, tra cui Dick Cheney, Sarah Palin, Roy Moore e lo sceriffo Joe Arapio, così come O.J. Simpson. Più tardi ha ricevuto le nomination agli Emmy e ai Golden Globe.

Nota dell'editore: Sei un fan di Conseguenza del suono? Scegli una delle nostre nuove magliette firmate. Meglio ancora, i proventi vanno a beneficio del Fondo di supporto per artisti COVID-19 di MusiCares a sostegno di musicisti indipendenti.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *