Catégories
Informazioni

Come ricreare il leggendario riempimento del tamburo "In the Air Tonight" di Phil Collins

Probabilmente non vi è alcun riempimento di batteria nella musica pop più iconica dell'epica rottura di Phil Collins nella sua onnipresente hit del 1981 "In the Air Tonight". Dietro l'enorme suono della batteria di Collins c'è una combinazione di attrezzatura di qualità, effetti di scelta e fortuna. Potrebbe essere proprio la canzone per eccellenza di air-drumming.

"In the Air Tonight" ha segnato il primo singolo solista di Collins, essendosi già affermato come membro di lunga data dei Genesis. E con la canzone, Collins ha dato il via alla sua carriera da solista con un botto letterale. Perfino Ozzy Osbourne, che ha guidato Black Sabbath e ha lanciato una carriera da solista di successo, ha dichiarato: "Quel drum drum è il migliore di sempre – sembra comunque fantastico."

Mentre una cosa è padroneggiare il drumming aereo in "In the Air Tonight", è un'altra cosa conquistarla dietro il kit. Grazie a un recente video didattico di Reverb (vedi sotto) e ad alcune attrezzature consigliate (fai clic sui link per controllare l'attrezzatura), puoi padroneggiare il suono massiccio di Collins in pochissimo tempo:

Il kit di batteria

gretsch drum Come ricreare Phil Collins Legendary In the Air Tonight Drum Fill

Affrontare Phil Collins significa affrontare molti tamburi altamente specifici. Dovrai liberare un po 'di spazio nel tuo spazio prove per un kit Gretsch ("Square Badge" -era se stai andando per la vera annata) e la chiave per il riempimento a rotazione di "In the Air Tonight": un sacco di tom . Reverb raccomanda 10 pollici, 12 pollici, 13 pollici e due tom da 16 pollici, tutti con le teste risonanti rimosse. È una bestia di un kit, ma la pausa è principalmente di tom di dimensioni diverse.

Successivamente, vorrai un rullante soprofonico Ludwig, con la testa fortemente inumidita. Puoi comunque divertirti a bloccare il riempimento anche senza le suddette modifiche ai tom e al rullante. Ma se stai cercando una replica autentica del tono, questi sono marchi di Collins.

Prima del 1986, Collins suonava i piatti Paiste e Zildjian, secondo Drummer World. Passò quindi a Sabian, e una pletora di forme e dimensioni: crash medio 20 ″, crash extra sottile 17 ″, hi-hat 15 ″ – china 20 ″ – crash medio-sottile 16 ″, china 22 ″, giro a secco della campana grezza 21 ".

Gli effetti

Il suono particolarmente sorprendente del riempimento “In the Air Tonight” è l'effetto riverbero gated utilizzato sul take di batteria. È stato anche registrato attraverso un po 'di inganno e fortuna in studio, usando il microfono talkback inverso in studio. Tipicamente utilizzato per il musicista nella sala di tracciamento per comunicare con quelli all'interno della cabina di registrazione, l'ingegnere Hugh Padgham è stato sorpreso dal suono creato dalla compressione intrinseca del talkback, che ha permesso al musicista di essere ascoltato a un volume adeguato, indipendentemente da dove si stesse parlando dall'interno della stanza di localizzazione.

Quando Collins ha rintracciato la batteria per "Intruder" del compagno di band della Genesis, Peter Gabriel, ha suonato attraverso il talkback inverso, che ha portato Padgham a ricablare il talkback per essere correttamente registrato. Per gli appassionati di collezionisti, la console di registrazione in questione è la scheda di missaggio Solid State Logic 4000. Padgham e Collins userebbero SSL 4000 e la sua funzione di talkback inverso per ottenere il suono "Intruder". Infine, inviare il tuo segnale pulito di batteria attraverso un buon riverbero gated, come l'MXR M300, aiuterebbe anche a evocare il tono, un effetto spesso impiegato da Collins mentre era in Genesi e durante la sua carriera da solista. Sono stati anche utilizzati microfoni da camera gated, come un microfono a tubo Neumann.

Per ulteriori suggerimenti sulla replica del riempimento di batteria "In the Air Tonight" di Phil Collins, guarda il video di Reverb qui sotto, seguito dall'esibizione dal vivo di Collins del brano a Montreux nel 2004.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *