Catégories
Informazioni

Live Nation rimuove il linguaggio dei memo che comporta un onere finanziario per gli artisti nei contratti

Poco meno di due settimane fa, in un memo ottenuto da Rolling Stone, Live Nation ha presentato una serie di modifiche e aggiornamenti alle politiche esistenti volte a proteggere i propri profitti. Il più eclatante di loro, e uno che ha ricevuto il peso dell'attenzione dei media, è stato un addendum che ha affermato che se un artista annulla un'esibizione in violazione dell'accordo, l'artista pagherà il promotore due volte la quota dell'artista.


Una sanzione del genere era inaudita e, anche considerando lo stato del settore così com'è attualmente, non è giusto.

In una nuova intervista con Pollstar, Charles Attal, copresidente della consociata della Live Nation C3 Presents, ha descritto il memo come un "documento obsoleto" e ha affermato che la lingua intorno alle cancellazioni, in particolare, è stata esclusa da tutti gli accordi.

"In retrospettiva, (quella lingua) non avrebbe dovuto essere lì", ha detto. "Non faremo inceppare nessun artista. Non ha bisogno di essere nei termini dell'accordo e, si spera, non dobbiamo occuparcene. "

"Innanzitutto, il nostro lavoro è lavorare per gli artisti, ramificarci in nuovi territori, portare lo sviluppo del nuovo business in atti emergenti e mettere in mostra gli headliner per esibirsi per un pubblico vasto e diversificato e sviluppare nuovi fan", Attal disse. "Questi (festival) richiedono anni per svilupparsi e questo è il nostro lavoro. Siamo qui per lavorare per l'artista. Questo è tutto. Lo facciamo da anni, e sarebbe impossibile senza i nostri ottimi rapporti con gli artisti ".

"Abbiamo ricevuto molti feedback dagli artisti", ha continuato. "Li abbiamo ascoltati forte e chiaro, l'abbiamo rivisto, l'abbiamo superato con loro e stiamo già prenotando spettacoli, con atti confermati per il 2021".

Attal affronta anche il problema degli eventi che ottengono l'assicurazione il prossimo anno, il che è un grosso problema poiché probabilmente avranno bisogno dell'assicurazione contro la pandemia come elemento pubblicitario, e sarà un po 'più costoso.

Ha detto che stanno "lavorando su questo, ci vorranno alcuni mesi per capire. I premi sono saliti e ci stiamo occupando. " Ha continuato dicendo che "si assicureranno che l'artista sia felice e curato."

Puoi leggere il rapporto completo su Pollstar Qui.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *