Catégories
Informazioni

Il compositore sperimentale / IDM Chris Ianuzzi pubblica finalmente il LP "Planetaria" [Video]

Il tuo EDM ha presentato Chris Inauzzi nel nostro New Artist Spotlight a marzo per gli appassionati di IDM e synth sperimentali. La sua padronanza del Moog era evidente nel suo EP Olga In un buco nero, che si è rivelato essere un'anteprima del suo album di debutto, Planetari. L'album è stato originariamente previsto per l'uscita a maggio, ma quando hai tanta tecnologia e molte linee musicali in un unico posto, a volte l'ingegneria richiede un po 'più di tempo, quindi è appena uscita il 15 giugno.


Ianuzzi, tuttavia, pubblicò un video musicale per la traccia "Hello", che appare su entrambi Olga e Planetari. Il video è stato una collaborazione con l'artista di New York Max Rosenthal e il videografo D. Carlton Bright ed è una corrispondenza visiva quasi perfetta per il rumore organizzato disordinato e dissonante ma magnificamente realizzato che è lo stile di Ianuzzi.

"Hello" era in realtà una delle tracce più strutturate e adiacenti all'EDM Olga, con un ritmo che, fondamentalmente, è tecnicamente drum & bass, quindi con quel EP alcuni nuovi fan potrebbero aver ipotizzato che lo stile di Ianuzzi sia più sperimentale di EDM, ma ora che Planetaria è fuori, è evidente che si inclina verso l'estremità EDM dello spettro elettronico di quanto pensassimo. Immettere il vecchio termine di standby per un artista che segue quella linea: IDM.

L'album si apre con la traccia del titolo, che non ha solo una struttura percettibile; ne ha circa sette. Si apre con una sorta di drum-drum e bass-time a metà tempo, poi va a qualcosa di più ispirato al synth-pop anni '80. Techno, house e persino un breakbeat possono essere ricavati dalla mischia di beat-e-synth che è al centro del pezzo ma a quel punto è diventato molto più complesso non è più un gioco di struttura del ritmo del ritmo (spoiler: Ianuzzi mantiene lo stesso tempo in tutte queste strutture di battute multiple). È meglio allacciarsi e ascoltare.

La traccia che segue la traccia del titolo, "Summer Star", inizia anche con un beat riconoscibile, una specie di incrocio techno / house, ma in seguito Ianuzzi impazzisce con strati di suoni synth che sono sicuramente rappresentativi della sua reputazione di maestro Moog . Per quanto riguarda il resto dell'album, "Olga In a Black Hole" (l'omonimo del suo EP in anteprima), "Transits", "Fork", "Park In the Dark" ed "Eta Corvi" sarebbero tutti classificati come più inclinati sperimentale, nel senso che non hanno un ritmo che potrebbe rientrare in un certo genere o in qualsiasi ritmo reale. "Eta Corvi" è un esempio incredibilmente stupendo, in cui Ianuzzi si toglie il caotico cappello neutro per un minuto per giocare davvero con il sound design.

Le tracce più EDM o IDM a parte la traccia del titolo sono il citato "Hello", il tribale, ispirato al trip hop-e-jazz "Flower and Flame" e lo splendido album più vicino, "Wilder". Questa traccia profonda e oscura farà sì che i fan del primo tempo e del campo di sinistra vogliano sentire una collaborazione con Ianuzzi e Shades o Ivy Lab. Ha ancora quei bit sperimentali sulle note di testa, ma i bassi profondi sono innegabili. Shades and Ivy Lab, le nuove uscite di Noisia's Thys o uno qualsiasi degli artisti della Division costeggiano comunque il margine sperimentale della musica per basso, quindi perché no? In termini di combinazione della scienza del suono con il cuore del basso, tutti questi artisti hanno almeno la stessa lunghezza d'onda o "lunghezza d'onda sinusoidale".

Con il suo stile variegato e la padronanza di molteplici tecniche, così come il suo lavoro IDM essendo uno sforzo relativamente nuovo, Chris Ianuzzi potrebbe davvero andare nella direzione che vuole. Ogni genere di EDM potrebbe usare un maestro del suo calibro ma potrebbe anche scegliere di seguire la strada dei lacci veneziani e rimanere in periferia. Basato su "Hello" e "Wilder", il nostro voto è ovviamente per lui da mettere in contatto con Alix Perez, Eprom, Thys o simili, ma non importa quale strada scelga, Chris Ianuzzi ha già scritto più capitoli negli annali di Moog, quindi cosa si potrebbe chiedere di più?

Planetaria è ora disponibile e può essere trasmesso in streaming o acquistato sulla pagina Bandcamp di Chris Ianuzzi. Guarda anche la sua pagina YouTube per uno streaming live registrato su Instagram in cui Ianuzzi parla di come ha messo insieme l'album e di sentire come suona l'album nel suo studio.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *