Catégories
Informazioni

I club di servizio di bottiglia iniziano ad aprire a Los Angeles, completi di ragazze che escono dalle bare

Ricordi la sensazione di andare in un club? Sono passati tre mesi da quando COVID-19 ha chiuso le porte delle industrie dell'intrattenimento e della vita notturna e uscire a bere qualcosa o a tarda notte sembra un lontano ricordo. Ma con molti stati che entrano in nuove fasi di riapertura, alcuni club stanno riaprendo, le restrizioni sul distanziamento sociale sono dannate.


Secondo Ospite di un ospite, "Penthouse Day Club (…) di L.A. ha aperto le sue porte questa domenica per la prima volta da quando sono iniziati i blocchi in California a marzo. La "soft riapertura" è avvenuta sotto forma di una festa del brunch in cui le prenotazioni dei tavoli erano obbligatorie e i singoli gruppi erano limitati a 10 persone ".

Detto questo, il distanziamento sociale, che è ancora raccomandato dalle linee guida della California, è stato appena rispettato o applicato. Mentre il personale indossava maschere per il viso, raramente apparivano sui volti degli ospiti che portavano flauti di champagne o portavano forchette di cibo alla bocca avida.

Ancora più sconcertante, grazie al video del promotore di Los Angeles “K The Promoter” su Instagram, è stata la vista di ragazze di servizi di bottiglia che uscivano dalle bare reali trasportate nella folla dallo staff. È un esercizio curioso riflettere su quale fosse esattamente il punto delle bare o cosa potessero significare. La risposta semplice è che nessuno ci ha pensato fino a quel punto e ha appena detto: "Sì, sembra un'idea interessante".

Se dovessi analizzarlo ulteriormente, a tuo vantaggio o svantaggio, è un po 'una prodezza insipida quando quasi 120.000 persone negli Stati Uniti sono morte a causa del virus e oltre 2 milioni sono state contagiate, con casi in aumento di nuovo in molti stati.

Secondo GOAG, lo spettacolo apparentemente è costato "circa $ 20.000". Immagino che i soldi della disoccupazione stiano bruciando un buco nelle tasche della gente, eh?

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *