Catégories
Informazioni

Billie Eilish: "Se ascolto un'altra persona bianca dire 'All Lives Matter' … Sto per perdere la mia fottuta mente"

In un appassionato post su Instagram, la pop star di 18 anni Billie Eilish ha sviscerato il movimento All Lives Matter, scrivendo: "Se ascolto un'altra persona bianca dire" TUTTE LE VOLTE "ancora una volta, cazzo, perderò il mio cazzo mente."

Il messaggio era sottotitolato con gli hashtag #blacklivesmatter e #justiceforgeorgefloyd. Come milioni di americani, Eilish è stato infuriato dopo l'uccisione di George Floyd da parte di un ufficiale di polizia bianco di Minneapolis il 25 maggio. L'ex ufficiale Derek Chauvin si inginocchiò sul collo di Floyd per quasi nove minuti, continuando quasi tre minuti dopo che Floyd divenne incosciente. Dopo la morte di Floyd, Chauvin fu successivamente licenziato, ma fu arrestato solo dopo diversi giorni di proteste sostenute.

Eilish ha iniziato il suo post scrivendo: "Ho cercato di prendere questa settimana per trovare un modo per affrontarlo delicatamente. Ho una piattaforma enorme e faccio davvero del mio meglio per rispettare e prendere tempo per riflettere su ciò che dico e su come lo dico ”. Ha continuato, "Ma cazzo di merda, inizierò a parlare."

Oltre a richiedere che i manifestanti di All Lives Matter “gentilmente chiudano il cazzo uuuuuuuuuuuuuuuuuuuup”, ha chiarito che “Questo non riguarda te. Smetti di fare tutto di te. " Se c'erano dei dubbi su dove si trovasse, ha riportato il punto a casa.

“Se tutte le vite contano perché i neri vengono uccisi solo per essere neri? Perché gli immigrati sono perseguitati? Perché ai bianchi vengono date opportunità che non sono le persone di altre razze? Perché va bene per i bianchi protestare letteralmente quando gli viene chiesto di rimanere a casa mentre trasportano armi semi-automatiche? Perché è giusto che i neri vengano chiamati criminali per aver protestato contro l'omicidio di persone innocenti? Sai perché???? Bianca. Cazzo. Privilegio."

Billie Eilish ha concluso con un semplice messaggio: “I neri vivono la materia. Le vite nere contano. Le vite nere contano. Dillo di nuovo. #justiceforgeorgefloyd “. Dai un'occhiata all'intero post qui sotto.

Eilish è l'ultimo artista a parlare dell'omicidio di George Floyd. Taylor Swift portò Donald Trump al compito di "alimentare i fuochi della supremazia bianca e del razzismo". Killer Mike ha espresso la sua imponente rabbia mentre supplicava anche i manifestanti di non bruciare le proprie comunità. Nel frattempo, Lil Wayne aveva una prospettiva leggermente diversa, dicendo: "Se vogliamo dare la colpa a qualcuno, dovrebbe essere noi stessi".

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *