Catégories
Informazioni

Lil Wayne sulla morte di George Floyd: "Se vogliamo dare la colpa a qualcuno, dovrebbe essere noi stessi"

Lil Wayne ha affrontato l'omicidio di George Floyd, l'uomo di Minneapolis che è morto con il ginocchio dell'ufficiale di polizia Derek Chauvin al collo. In una conversazione con Fat Joe su Instagram Live venerdì, Wayne ha dichiarato: "Se vogliamo dare la colpa a qualcuno, dovremmo essere noi stessi a non fare più di quello che pensiamo di fare".

Le controverse osservazioni sono arrivate dopo una conversazione sul tempo in cui un agente di polizia ha salvato la vita a Wayne. All'età di 12 anni, il rapper precoce ha scaricato una pistola e si è sparato al petto. Robert Hooper, un poliziotto fuori servizio che Weezy definì "zio Bob", apparve sulla scena. Ha detto che, sulla strada per l'ospedale, Cooper "sedeva sul sedile posteriore con me e mi teneva tra le sue braccia".

Alla fine di quella storia, Fat Joe chiese a Lil Wayne la morte di George Floyd. Weezy rispose dicendo:

“Penso che quando vediamo queste situazioni, penso che dobbiamo anche capire che dobbiamo diventare molto specifici, dobbiamo essere così specifici. E ciò che intendo con ciò è che dobbiamo smettere di vederlo con una visione così ampia, il che significa che dobbiamo smettere di dare la colpa a tutta la forza e all'intero tutti di una certa razza o tutti con un distintivo. Dobbiamo davvero capire chi è quella persona. E se vogliamo dare la colpa a qualcuno, dovremmo essere noi stessi a non fare più di quello che pensiamo di fare ".

Più tardi, Lil Wayne ha spiegato perché raramente si è impegnato in politica. “Alcune persone pubblicano un tweet e pensano di aver fatto qualcosa. Alcune persone indossano una maglietta e pensano di aver fatto qualcosa. Cosa farai dopo? Hai davvero aiutato la persona? Hai davvero aiutato la famiglia? Sei davvero andato là fuori e hai fatto qualcosa? Quindi, se non sto per fare tutto ciò, allora non sto per fare nulla. Pregherò per te. "

Infine, ha suggerito che molte persone che esprimono indignazione non hanno fatto abbastanza per educare se stesse. “Quello che dobbiamo fare è che dobbiamo saperne di più. Se vogliamo urlare per qualcosa, sappi di cosa stiamo urlando. Se vogliamo protestare per qualcosa, sappi di cosa stiamo protestando. Perché se vogliamo approfondire, ci sono un sacco di fatti che pensiamo di sapere che non sappiamo. … Urliamo per cose che, a volte, non sono proprio vere. "

Guarda il video su George Floyd qui sotto e scorri per la conversazione completa con Fat Joe, che inizia intorno ai 48 minuti.

Nel 2016, Lil Wayne è stato pesantemente criticato quando ha affermato che "non esisteva il razzismo". Ha citato il suo gran numero di fan bianchi come prova.

Ieri sera, Lil Wayne ha pubblicato un'edizione deluxe ampliata del suo album più recente, Funerale.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *