Catégories
Informazioni

The Pandemic Intrappolato un'orchestra boliviana in un (Haunted?) Castello tedesco

Dal 10 marzo, un'orchestra boliviana è rimasta bloccata nel palazzo tedesco di Rheinsberg. Secondo la BBC, il palazzo medievale è un castello con fossato, circondato da "23 branchi di lupi", che si dice sia infestato da Federico il Grande.

All'inizio di marzo, l'Orquesta Experimental de Instrumentos Nativos è volato in Germania per esibirsi in tre concerti e vedere alcune attrazioni, con un viaggio totale che dovrebbe durare poco più di due settimane. Molti dei giovani membri del gruppo non erano mai stati fuori dalla Bolivia prima. Ma quando il loro aereo è atterrato, l'orchestra ha appreso che la regione tedesca di Berlino aveva annunciato il divieto di grandi raduni di persone.

Un membro, identificato come Carlos, ha ricordato un presagio inquietante. “Il nostro autobus si è rotto sull'autostrada. Ricordo di aver scherzato sul fatto che questa era sfortuna e che forse i nostri concerti sarebbero stati cancellati ", ha detto," ma non ho mai pensato che sarebbe realmente accaduto ".

Il gruppo si è affrettato a trovare una via di casa, ma non è riuscito prima che la Bolivia chiudesse i suoi confini. Mentre anche la Germania andava in un blocco completo, l'Orquestra era intrappolata in un ostello nella tentacolare tenuta del Rheinsberg Schloss, a circa 90 minuti a nord-ovest di Berlino. Al momento della stesura di questo documento, sono rimasti bloccati lì per 76 giorni.

Il castello fu costruito per la prima volta nel 1560 e ospitò varie linee aristocratiche fino al 1734, quando fu acquistato dal re prussiano Federico Guglielmo I. Lui a sua volta, lo donò a suo figlio, il principe ereditario Federico II, in seguito Federico il Grande . Questo particolare Fred ha trascorso quattro anni al castello prima di assumere il trono. Durante quel periodo organizza feste sontuose con esibizioni di alcuni dei musicisti più famosi del giorno, tra cui J.C. Bach, figlio di J.S. e un rispettato compositore a pieno titolo.

Federico il Grande, forse non sorprende, ha goduto di questo periodo di baldoria e musica più dei suoi doveri di leader mondiale. Chiamò quella volta a Rheinsberg i suoi "anni più felici", motivo per cui si ritiene che il suo fantasma perseguiti la proprietà.

Secondo Camed Martela, membro di Orquesta, di 20 anni, lo spirito di Federico è stato un argomento di conversazione. Lei disse,

"Scherziamo tutti che il fantasma di Federico ci sta seguendo e sta cercando di farci inciampare. Di solito non credo in queste cose, ma sembra che ci siano fantasmi sul campo ".

Fortunatamente, i fantasmi sono tutti fan della musica. E mentre i tanti, molti branchi di lupi possono sembrare scoraggianti, i pochi scontri del gruppo sono stati più carini che minacciosi. Tracy Prado, che si è unito all'Orquesta solo a dicembre, recentemente ha visto tre lupi mentre camminava. "Mi sono congelato nella paura, ma erano solo giocare a combattere e andare avanti", ha detto.

Molto più spaventosa è la risposta dei governi boliviani alla crisi del coronavirus. "Covid sta tornando molto politico a casa", ha detto Carlos alla BBC. Il governo boliviano, sotto la presidenza provvisoria Jeanine Áñez, ha ritardato le elezioni presidenziali fissate per maggio. Successivamente, hanno fatto uno sforzo per limitare la libertà di parola, in particolare le critiche su come il governo ha gestito la pandemia. Quella spinta alla fine fallì, ma non è stata fissata una nuova data per le elezioni presidenziali.

E mentre Carlos ha trascorso ore al telefono con l'ambasciata boliviana, sono stati fatti pochi progressi nel riportare a casa il gruppo. In una recente intervista, il ministro degli Esteri della Bolivia, Karen Longaric, è stato interrogato direttamente sull'orquesta bloccato. Ha detto che il suo ufficio era focalizzato sul portare a casa "i più vulnerabili – donne, bambini, malati e anziani" e che Orquesta era una priorità bassa.

Per ora, non c'è altro da fare che aspettare. "Ci sentiamo abbandonati", ha detto Carlos.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *