Catégories
Informazioni

Le note del 1975 su una forma condizionale segna un momento decisivo nel tempo | Revisione

The Lowdown: Il 1975 è innegabilmente divisivo. Dall'inizio dei loro circa 18 anni insieme, il frontman e paroliere Matty Healy ha generato una deliberazione di massa sul fatto che The 1975 siano o meno una band "seria". Ma in genere è così, vero? Una volta che qualcosa diventa "mainstream", i critici devono rivalutare, per qualsiasi motivo. Le tende di culto possono essere tirate indietro per rivelare un'eredità più comprovata e dinamica? Sono fan all'unanimità deliranti ammirare una band che parla molto di pianti, erezioni e amore su Internet. Voglio dire, quante volte "dirà" qualcosa? Avviso spoiler: dice molto sul loro ultimo disco, Note su un modulo condizionale. Anche Matty piange ancora molto, quindi non preoccuparti.

Ma per essere onesti, lo scetticismo che circonda la band non è ingiustificato. Di solito, si riduce alla motormouth bocca di Healy. C'è una linea di passi di Healy (forse non così attentamente) che si snoda tra provocazione performativa e genialità geniale "svegliata". Ma la frettolosa trasformazione di Healy in un controverso soliloquio su Twitter è il risultato dello stesso super-ego che spesso si ritrova negli album degli The 1975. Per The 1975, non esiste una separazione definitiva tra l'arte e l'artista. Il 1975 è il nesso della mente di Healy e il personaggio stanco della rock star che ha intrattenuto. E se questa non è la tua tazza di tè, è la vita.

Il momento in cui l'esitazione scende in un territorio elitario a disagio e al limite è quando si basa sulla preponderanza del fan demografico del 1975. È difficile per me astenermi dal citare tutto questo Forcone articolo, ma cercherò di riassumere in modo chiaro. Quando le ragazze adolescenti si accampano per una settimana (solo una leggera iperbole) per vedere un artista, le teste scuotono il sospetto. Come possono le giovani donne sapere "musica vera?" Il pensiero critico è praticamente impossibile quando il tuo obiettivo principale è cosa indossare al ritorno a casa, giusto? Le bande possono sembrare credibili solo se fanno appello ai giudici designati dell'espressione di qualità: uomini adulti.

Tirata femminista a parte, Il 1975 può essere sciocco. "TOOTIMETOOTIMETOOTIME" è una canzone pop ingannevole, ma divertente comunque. "Nana" mi fa una smorfia in agonia; così tanto che evito completamente di cantare la frase "ora sei morto". E da dove cominciare con il titolo del loro secondo album: Mi piace quando dormi, perché sei così bello eppure così inconsapevole. Ma non puoi negare che siano spudoratamente ambiziosi. E Note su un modulo condizionale è esattamente questo. Possiamo sfogliare il loro catalogo e trovare tagli profondi (vedi: "Anticristo"), traversine e interludi stranamente posizionati, ma senza dubbio troverai sempre qualcosa (nel caso di questo disco, un gran numero di tracce) che ti rende siediti al tuo posto e vai: "Cazzo santo, da dove viene?"

Appunti è un'opera allo stesso tempo che è un'ode alle loro opere precedenti. Creato con l'intenzione di concludere il loro Musica per automobili era (che include i loro primi EP e i primi tre album), Appunti non sembra ancora una soluzione. Frustamente frustrato ti scuote per "svegliarti" a tutti gli errori del mondo, mentre allo stesso tempo desidera dormire lontano dai sentimenti festanti. Lo dice anche lui stesso: "L'incoscienza è la mia droga preferita". Appunti non è un arco preciso legare questa era, ma questo è esattamente il punto: la vita non è così. Ma è un promemoria per prestare attenzione: al mondo, a te stesso e probabilmente a una delle migliori band del mondo in questo momento.

Il bene: I tre precedenti album del 1975 sembravano esaurire tutti i tropi tipici delle rock star. Dopo aver affrontato la tossicodipendenza, l'amore, la lussuria e la resa dei conti con la fama, era difficile prevedere dove Notasi adatterebbe su quello spettro. Con un monologo di apertura dell'attivista climatica sedicenne Greta Thunberg sulla traccia introduttiva "The 1975" (la quarta nel suo genere, ma senza la tipica melodia "go down / soft sound") seguita da un inno proto-punk, "People", che dice agli ascoltatori di prestare attenzione alla stasi debilitante del mondo, Appunti si sentivano destinati a seguire l'agenzia politica cautelativa del loro album precedente, Una breve inchiesta sulle relazioni online. Ovviamente no. Passa stranamente all'interludio orchestrale e scintillante di "The End of Music for Cars", che sembra copiato e incollato nel penultimo montaggio di un film A24.

Complessivamente, Appunti non ha un suono specifico perché The 1975 non è solo un tipo di band. E se hai pensato Una breve richiesta … era un rischio sperimentale, Appunti ti farà saltare fuori dall'acqua. Ci sono barlumi di elettronica dancehall su brani come "Shiny Clavicola" e il pesante "Cosa dovrei dire" di Auto-Tune. "Tonight I Wish I Was Your Boy" inizia con un campione adattato all'intonazione di "My My Imagination (Running Away)" di The Temptations, mentre presto divergendo in una canzone sconcertata e schioccante con le dita su un passo falso nella relazione ("Penso di aver scopato regalmente ”). Tra una traccia e l'altra di techno ci sono bang indie-pop come "If You Are Too Shy (Then Let Me Know)"; "Me & You Together Song", "The Birthday Party", "Brit & Pop insieme"; e melodie acustiche come il duetto di Phoebe Bridgers "Jesus Christ 2005 God Bless America" ​​e "Non preoccuparti", una canzone scritta dal padre di Healy quando era un giovane ragazzo.

È molto da digerire, ma è sicuramente buono. In generale, mescola molto di ciò che abbiamo già campionato. Hai il loro debutto adolescenziale pieno di angoscia, il secondo album degli anni '80 dal suono pop, e poi la più recente critica culturale nel loro terzo album. Appunti fluttua di proposito tra questi precedenti, e poi alcuni. Ci sono persino cenni alle canzoni precedenti, che non è una tendenza del tutto nuova per The 1975 (vedi: "Change of Heart"). In "Roadkill" folle e infuso di banjo, Healy si castiga per non aver applicato le istruzioni che ha posto su "Ladri": "Se non spari, non lo saprai mai / non avrei dovuto impararlo un po 'di tempo fa. ” Ammette persino di "non aver mai scopato in macchina / mentivo" sulla ballata di pianoforte "Nothing Revealed / Nothing Denied", apparentemente riprendendo le linee elettriche di apertura di "Love It If We We It It". Healy ovviamente non è sicuro di se stesso Appunti; è ansioso, si scusa, ma si muove sempre verso un "qualcosa". Oltre ad essere la collezione più geniale che hanno pubblicato, è anche l'album più scrupolosamente umano nel loro repertorio.

Il cattivo: Mentre la coraggiosa strumentazione conferisce all'album potenza senza sosta, il testo continua Appunti sono spesso meno che brillanti. Da un album di 22 brani della durata di 80 minuti, è sorprendente che le linee davvero memorabili siano poche e lontane tra loro. Soprattutto perché questi momenti sono davvero il pane e il burro di The 1975. Ciò potrebbe essere dovuto alla struttura più fluida della coscienza dell'album piuttosto che a un disco più stretto e più calcolato. "Playing on My Mind" graffia la superficie di ciò che The 1975 sono in grado di interpretare. La canzone acustica, più esistenziale trova Healy che si chiede "Vivrò e morirò in una band / La mia coscienza controlla la mia mano" e vaga attraverso le preoccupazioni svolazzanti dell'invecchiamento, le relazioni condannate e un assortimento di altre "cose ​​che suonano sulla (sua) mente." "Guys" è anche sicuro di essere un vincitore di uno spettacolo dal vivo. Mostrando la sua gratitudine ai suoi compagni di band, Healy canta: "Voi ragazzi siete la cosa migliore che mi sia mai capitata". È facile immaginare i fan che ondeggiano e ripetono le linee accattivanti.

Questo è un altro pezzo del puzzle. Forse è troppo presto per decidere quali testi sono particolarmente risonanti. Ciò che attacca i fan è altamente soggettivo, ovviamente, e non può essere interamente previsto attraverso i primi pochi ascolti. Tuttavia, mi mancano i momenti da specchio a psiche come il famigerato "Un aspirante drogato sicofanico, profetico, socratico". Ma come qualsiasi altro album del 1975, all'inizio il nuovo suono e la tecnica stanno suonando, ma poi lentamente inizia a crescere su di te, diventando in definitiva un album che segna un momento decisivo nel tempo.

Il verdetto: Che ti piacciano o meno, i 1975 sono una delle più grandi band al mondo in questo momento. Non ho alcuna paura residua nel fare quell'affermazione poiché i loro numeri di grafico e le arene esaurite parlano da soli. E se non li prendi sul serio a questo punto, sicuramente ti perdi perché non sono altro che seri: seriamente intriganti. Seriamente (e continuamente) interessante. E, più che mai, seriamente importante. Appunti ribollisce di paranoia, accuse di rivoluzione e, soprattutto, onestà, fornendo una parvenza di conforto durante un rullo di tamburi, per favore, un "tempo senza precedenti" che colpisce davvero tutti.

Tracce essenziali: "Se sei troppo timido (Fammi sapere)", "Roadkill" e "Cosa dovrei dire"

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *