Catégories
Informazioni

Joe Rogan minaccia di trasferirsi in Texas per via delle politiche coronavirus della California

Nell'ultimo episodio di L'esperienza di Joe Rogan, il comico polemico si è lamentato delle politiche della California sul coronavirus e ha minacciato di trasferirsi in Texas.

La discussione faceva parte di una più ampia conversazione sulla decisione dei funzionari della contea di Los Angeles di estendere gli ordini di soggiorno a casa fino a luglio. Altre contee in California sono autorizzate a riaprire, anche se Rogan non sta prendendo in considerazione una delocalizzazione dello stesso stato. Egli ha detto:

"Se la California continua a essere così restrittiva, non so se questo sia un buon posto in cui vivere. Prima di tutto, è estremamente costoso – le tasse sono ridicole. Se dicono davvero che non possiamo alzarci fino al 2022 o qualcosa del genere, potrei jet. Non sto scherzando. Non ho bisogno di essere qui. "

Successivamente, ha chiamato Rogan MADtv l'allume Bryan Callen, che ha rapidamente avanzato una teoria della cospirazione secondo cui gli ordini di rimanere a casa erano uno sforzo dei democratici per rubare le elezioni attraverso i voti postali. Non ci sono prove che il voto per posta favorisca un partito o un altro, e pochi giorni fa il repubblicano Mark Garcia ha vinto un'elezione speciale in California che è stata decisa quasi interamente dalle votazioni per corrispondenza.

La conversazione si è svolta su un terreno più solido quando Rogan ha osservato che "il Texas è un selvaggio amico", aggiungendo che quando si assistono a spettacoli comici, "si può portare una pistola". Ma in seguito, Rogan si è lamentato del caldo del Texas, e poiché le restrizioni sono fino a luglio e non "2022 o qualcosa del genere", la minaccia rimane ipotetica per ora.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *