Catégories
Informazioni

Guarda Ben Gibbard eseguire un livestream di cover di tutti i Beatles

Ben Gibbard ha continuato la sua serie settimanale di livestream giovedì con un set di cover di tutti i Beatles.

Come abbiamo fatto per tutta la settimana, il frontman dei Death Cab per Cutie stava celebrando il 50 ° anniversario dell'ultimo album dei Beatle, Lascia fare. Anche così, in realtà non ha suonato nessuno Lascia fare tracce, invece aprendo con "I So So Stired" disattivato L'album bianco e "Per nessuno" di rivoltella. In seguito ha suonato "Here, There & Everywhere" e "I I'm Only Sleeping" nell'ultimo LP, e ha consegnato il primo "I Will" al pianoforte. Ha anche suonato il Anima di gomma tagliare "Non mi vedrai" sui tasti prima di tornare alla chitarra acustica per "I Looking Looking Through You" e "In My Life". Una notte di una giornata dura ha anche fatto un'apparizione con "Sono felice di ballare con te".

Nel mezzo del set, Gibbard ha preso le domande dei fan sui temi dei Beatles. Ha detto che Paul McCartney era il suo preferito dei Fab Four perché "Mi piacciono le canzoni di Paul le migliori". Ha continuato, "Penso che George sia il Beatle più cool, perché è uscito un po 'e ha salvato tutte le sue canzoni Tutte le cose devono essere passate, un po 'rilassato e smesso di dare le canzoni dei Beatles … Sento che John sarebbe stato il più fastidioso con cui uscire. "

Sottolineando la sua scelta, ha scelto Macca ariete come il miglior sforzo solista post-Beatles. "Sento che la risposta giusta sia sempre il primo (post breakup) di George Harrison (Tutte le cose devono essere passate) ", Ha aggiunto," ma non so, adoro Ram. Mi piace molto anche (di John Lennon) Mind Games, pure."

Gibbard ha anche parlato del suo primo incontro con un Beatle, una momentanea interazione con McCartney su un volo da Los Angeles a Londra. Il Death Cab per i membri di Cutie stava parlando con i ragazzi di Keane quando Nick Harmer della DCFC venne colpito alla testa con un bass case. Alzò gli occhi e vide il ragazzo dietro la persona che l'aveva appena accusato del caso era davvero Paul McCartney, diretto in prima classe. Gibbard ha ricordato,

"Per le prossime nove ore siamo a 40 piedi da Paul McCartney. Ma ovviamente non andremo lassù e proveremo a parlare con lui o qualcosa del genere, perché sarebbe del tutto scortese … Penso che avrei potuto inviargli un messaggio che diceva: "Ehi, grazie per il nome , "o qualcosa del genere, perché avevamo preso Death Cab per Cutie da" Bonzo Dog " The Magical Mystery Tour… Passò un biglietto all'assistente di volo, glielo passarono, l'assistente di volo ritorna, "Dice grazie".

Guarda l'intera performance, che è venuta a sostegno dell'Amara senza fini di lucro con sede a Seattle e dei loro sforzi per aiutare i bambini in affidamento e le loro famiglie, sotto.

Ben Gibbard The Beatles Covers Setlist:
00:16 – Sono così stanco
02:50 – Per nessuno
06:12 – Sono felice solo di ballare con te
10:14 – Qui, là e ovunque
13:50 – Sto solo dormendo
16:59 – (Domande e risposte)
23:19 – Non mi vedrai
27:58 – Lo farò
31:48 – (Amara urla la carità)
33:01 – Ti sto guardando attraverso
37:14 – Nella mia vita

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *